lunedì 21 febbraio 2011

Stagione che cresce...


La Eglantine di David Austin è la più temeraria tra tutte le rose del Buon Villano, nonostante il freddo e la neve dei giorni passati, ha allungato i germogli e regala grande gioia nell'attesa dei bocciòli, rosa e profumati.


Sotto la mangiatoia invernale degli uccelli selvatici, semi sommerse dai gusci dei semi di girasole, sono spuntate le prime foglioline dei lupini e poco distante i tulipani dello scorso anno che fanno da cornice al giovane cespuglio della Cuisse de Ninphe, ibrido di Rosa alba di cui aspettiamo con curiosità la prima fioritura...



2 commenti:

  1. grazie a voi Lara della bella opportunità. Senz'altro abbiamo aperto una porta e spero condivideremo anche parte del nostro cammino!
    La cuisse de Ninphe è una rosa meravigliosa, forse la fioritura un po' più tardiva rispetto alla centifolia da sciroppo, fa si che si salvi dalla strage compiuta da quelle simpatiche bestine che sono i caprioli! Almeno così è sempre successo fino allo scorso anno....speriamo bene
    a presto
    simonetta

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina